1. Home
  2. Analisi
  3. La crisi energetica impatta sui ricavi

Settembre 2022

La crisi energetica impatta sui ricavi

Crisi energetica e inflazione comprimono la crescita reale dei fatturati, nello scenario pessimistico i ricavi decelerano nel 2022 e si contraggono nel 2023 allontanando il recupero dei livelli pre-Covid

Condividi:

  1. Home
  2. Analisi
  3. La crisi energetica impatta sui ricavi
Copertina di 'La crisi energetica impatta sui ricavi'

L’irrigidimento del conflitto russo-ucraino e la crisi energetica legata all’intensificazione dello shock delle materie prime hanno ridimensionato le prospettive di recupero post-pandemia, dopo il significativo rimbalzo dei conti economici nel 2021.

Le nuove previsioni di Cerved sull’andamento dei fatturati e della redditività lorda nel prossimo biennio mettono in evidenza il rallentamento delle prospettive di crescita di molti settori seguito alla destabilizzazione dello scenario geopolitico e alla spirale inflattiva.

Come emerge dai bilanci trimestrali 2022, in molti settori la spirale inflattiva si sta riflettendo sui fatturati nominali che, incorporando l’effetto dei rincari, fanno registrare aumenti a due cifre che non rispecchiano, tuttavia, l’effettiva situazione economica.

Per mitigare questi effetti e analizzare con maggior dettaglio gli impatti congiunturali, Cerved ha stimato per ogni settore la capacità di trasferire gli aumenti dei prezzi sul valore delle vendite, sulla base del grado di esposizione a specifiche materie prime e della capacità di assorbire l’aumento dei costi nella gestione operativa scaricando i rincari a valle.

I modelli predittivi sono stati successivamente alimentati su due diversi scenari – base e worst – che tengono conto dell’andamento macroeconomico e di una serie di fattori esogeni legati al conflitto russo-ucraino, alla dinamica delle materie prime e dei prezzi dell’energia, all’emergenza Covid e all’evoluzione delle politiche economiche e monetarie.

Nello scenario base, il tasso di crescita dei ricavi in termini reali, al netto dell’inflazione, potrebbe attestarsi nel 2022 al 2% e all’1,9% nel 2023, a fronte di variazioni nominali rispettivamente del

16,4% e del 4,6%. Complessivamente, l’aumento atteso dei fatturati reali 2023/19 si fermerebbe al 2,3%, un dato inferiore di oltre 10 volte rispetto alla stima dei ricavi nominali (+24%).   

Considerando lo scenario worst, si attende una frenata dell’andamento dei ricavi già nel 2022 (+0,2%), con una successiva contrazione nel 2023 dell’1,1%. Ciò determinerebbe un mancato recupero dei livelli del 2019 con un gap di 2,4 p.p.

La dinamica del MOL è molto diversificata

Nonostante l’impatto della crisi energetica e dell’inflazione, si prevede un aumento dei margini sia nel 2022 che nel 2023, anche se con meno slancio, soprattutto nello scenario worst.

Molti settori hanno potuto ribaltare completamente a valle l’aumento dei costi grazie ad una domanda in forte recupero, in special modo la filiera turistica.

Altri, invece, come il comparto agroalimentare, segmenti della chimica e della lavorazione dei metalli hanno dovuto assorbire una parte consistente dei costi con forti impatti sulla marginalità. La concorrenza internazionale non ha permesso ai produttori italiani di fare troppa leva sui prezzi per salvaguardare la redditività lorda.

Per conoscere i settori più impattati dalla nuova congiuntura, quelli a maggior crescita, compreso l’andamento dei margini lordi e tanto altro ancora, consulta il Cerved Industry Forecast.

Vuoi scaricare l'analisi completa?
Compila il form sottostante per scaricare il documento
(Required)
Hidden
Hidden
Hidden
Hidden

Newsletter

Restiamo in contatto

Per non perderti nessuno dei nostri contenuti

(Required)