1. Home
  2. Analisi
  3. Nel 2019 in Lombardia tornano ad aumentare le liquidazioni volontarie

Aprile 2020

Nel 2019 in Lombardia tornano ad aumentare le liquidazioni volontarie

Già prima della diffusione del COVID-19, nella regione più colpita dall'epidemia, risultavano in aumento sia gli imprenditori che decidono di chiudere attività in bonis che i fallimenti nel manifatturiero.

  1. Home
  2. Analisi
  3. Nel 2019 in Lombardia tornano ad aumentare le liquidazioni volontarie
Copertina di 'Nel 2019 in Lombardia tornano ad aumentare le liquidazioni volontarie'

L’ultimo Osservatorio di Cerved e Assolombarda rileva che nel 2019 sono stati aperti in Lombardia oltre 2.400 fallimenti, in calo del -2,9% rispetto al 2018. Con riferimento ai principali settori economici, si evidenzia una considerevole diminuzione nelle costruzioni (-16,7%) mentre si registra un incremento nell’industria (+8,0%) e una sostanziale stabilità nei servizi (+0,2%).

Con riferimento alle altre regioni esaminate, i fallimenti si confermano in contrazione in Piemonte (-5,4%) mentre in Emilia-Romagna e in Veneto, dopo i cali nel 2018, tornano a crescere (+3,5% e +11% rispettivamente). 

L’ultimo Osservatorio di Cerved e Assolombarda rileva che  le liquidazioni volontarie sono in crescita del +4,3% nel 2019 rispetto al 2018 superando le 15.200 procedure.

Le liquidazioni volontarie in Lombardia sono in crescita del +4,3% nel 2019 rispetto al 2018 superando le 15.200 procedure. 

Nel 2019 i tempi di pagamento medi delle imprese lombarde si confermano uguali a quelli rilevati nel 2018, pari a 70,5 giorni. Tale risultato è dovuto a una stabilità sia del numero dei giorni concordati al momento della fatturazione (da 59,4 a 59,5 giorni in media) sia dei tempi medi di ritardo (da 11,1 giorni nel 2018 a 11,0 nel 2019).

Il confronto regionale evidenzia tempi di pagamento più rapidi in Veneto (65,6 giorni) e più lenti in Emilia-Romagna (71,8 giorni) e in Piemonte (74,2 giorni).

L’incidenza dei gravi ritardi in Lombardia è pari al 4,1%, in Emilia-Romagna al 4,0% e in Veneto al 3,8%. In Piemonte, invece, la quota percentuale di ritardi gravi è più elevata (5,5%). Il dato si riduce in tutte le quattro regioni esaminate.

Secondo il Cerved Group Score, a dicembre 2019 il 65,5% delle imprese lombarde presenta un grado di default molto basso o contenuto. L’Emilia-Romagna evidenzia una percentuale inferiore (63,2%), mentre le quote in Piemonte e Veneto sono pari rispettivamente al 68,0% e al 67,4%.

Il numero di upgrade (imprese che hanno migliorato la propria classe CGS nel corso degli ultimi dodici mesi) supera quello di downgrade in tutte le regioni esaminate: Lombardia e Piemonte entrambe + 8,9 p.p., Emilia-Romagna +12,7 p.p. e Veneto +14,3 p.p.

Vuoi scaricare l'analisi completa?
Compila il form sottostante per scaricare il documento
(Required)
Hidden
Hidden
Hidden
Hidden

Newsletter

Restiamo in contatto

Per non perderti nessuno dei nostri contenuti.

(Required)

* Dati necessari